Spettri elastici: il laborioso processo che li ha generati [video]

Il grafico degli spettri elastici di progetto è in apparenza molto semplice. Ma dietro uno spettro di progetto c’è un lavoro lungo e articolato. Nel nuovo video di oggi ti mostro in soli tre minuti, come sono stati ottenuti gli spettri di progetto. Buona visione 🙂

 

Guarda il video

 

In sintesi

Come hai potuto vedere dal video, gli spettri elastici che utilizziamo per valutare l’azione sismica su una struttura sono stati ottenuti analizzando degli oscillatori semplici. Ad ogni oscillatore viene applicato un moto alla base, utilizzando come input per le accelerazioni imposte un accelerogramma storico registrato durante un evento sismico. La risposta dell’oscillatore in termini di spostamento relativo e accelerazione assoluta viene calcolata grazie ad un algoritmo che risolve istante per istante le equazioni differenziali del moto dell’oscillatore.

Quest’analisi viene ripetuta per una serie di oscillatori, caratterizzati da periodi via via crescenti. L’accelerazione assoluta che si registra nell’istante in cui si ha lo spostamento relativo massimo viene riportata in un grafico in funzione del periodo di vibrazione dell’oscillatore. In questo modo, riportando i risultati ottenuti per tutti gli oscillatori presi in considerazione, si otterrà lo spettro elastico relativo all’accelerogramma analizzato.

Ma il processo non finisce qui. Tutto il procedimento descritto sopra è stato ripetuto per un elevato numero di accelerogrammi, selezionati sulla base della probabilità di accadimento dell’evento sismico che li ha generati. Tutti gli spettri ottenuti utilizzando come input i diversi accelerogrammi sono poi stati sovrapposti in uno stesso grafico. Dall’inviluppo di tutti gli spettri ottenuti è stato ottenuto lo spettro elastico in termini di accelerazione assoluta per una determinata probabilità di accadimento di un evento sismico.

Conclusioni

Ti risulta più chiaro ora da dove viene fuori quel grafico che compare ogni volta che devi valutare l’azione sismica su una struttura? Spero di sì. Ecco perché in queste ultime settimane ti ho proposto altri due video sul comportamento dell’oscillatore semplice. Se oggi valutiamo in questo modo l’azione sismica sulle strutture è grazie a questo semplice sistema ad un solo grado di libertà.

Se non sei ancora iscritto alla newsletter compila i campi qui sotto per non perderti i nuovi video e articoli pubblicati sul blog. L’iscrizione è gratuita e riceverai i nuovi contenuti direttamente nella tua casella email.

 

 

Ci rileggiamo al prossimo articolo.

Marco.

Articoli correlati